salone del mobile

Salone del Mobile. Tra unicità e internazionalità

Salone del Mobile. Tra unicità e internazionalità

Il Salone del Mobile rappresenta la più grande esposizione internazionale dedicata al mondo dell’arredamento. Si svolge intorno al mese di aprile ogni anno a Milano e ospita tutte le più grandi e innovative tendenze in materia di design.

I grandi maestri dei giorni nostri propongono idee innovative senza rinunciare alla tradizione e alle grandi esperienze maturate nel passato. Classico e moderno si incontrano per dare vita a pezzi unici.

 

La storia del Salone del Mobile

Il secondo dopo guerra fu caratterizzato dalla necessità di investire sull’edilizia al fine di rilanciare il mondo del design nelle città provate dal conflitto mondiale.

A partire dagli anni ’60 del Novecento questa necessità si fa ancora più impellente e proprio per questo, nel 1961, fu inaugurato il primo appuntamento del Salone del Mobile.

Inizialmente l’esibizione fu sviluppata con lo scopo di riunire le tendenze nazionali. Solo nel 1967 le porte furono aperte a espositori provenienti da tutto il mondo, fornendo un valore aggiunto all’evento.

Per oltre vent’anni fu deciso che gli espositori stranieri sarebbero stati accolti ad anni alterni. Nel 1991, infine, si stabilì che l’esposizione avrebbe assunto costantemente un carattere mondiale. Per questo il nome divenne “Salone Internazionale del Mobile”.

 

Perché il salone del mobile proprio a Milano?

Il Salone del Mobile ha scelto di rimanere fedele a Milano sin dalle sue origini. La capitale lombarda è, senza ombra di dubbio, uno snodo importante per quanto riguarda il mondo del fashion e del design. È la città che per prima si impegna a lanciare nuovi talenti e che si apre all’estro in ogni sua forma.

Luogo di transito per maestri del design provenienti da tutto il mondo, Milano rappresenta la scelta perfetta per accogliere le migliaia di persone che decidono di immergersi in questo viaggio di forme, materiali e colori.

 

L’importanza della dimensione internazionale

La dimensione di internazionalità del Salone del Mobile è essenziale per consolidare il rapporto tra il mercato italiano e quello estero. Ricordiamo infatti che molte delle aziende del Belpaese sopravvivono e crescono proprio grazie all’esportazione dei propri prodotti verso nuovi mercati.

L’evento rappresenta una vera e propria vetrina per tutte le aziende partecipanti, che possono fare del Made in Italy un oggetto di interesse per le realtà internazionali.

 

Prodotti high quality e mercato del lusso

Il prodotto italiano è riconosciuto nel mondo per la sua garanzia di qualità. Il settore del lusso si sta sempre più sviluppando e i mercati esteri ricercano raffinatezza e unicità.

Eleganza e attenzione ai dettagli sono gli elementi che contraddistinguono da decenni i prodotti italiani e permettono ai produttori di portare il proprio know-how e le proprie abilità tecniche nel mondo.

A guidare le aziende partecipanti sono lo stesso entusiasmo e la spinta propulsiva che caratterizzava il loro lavoro negli anni ’60 e ’70. Le possibilità tecnologiche attuali donano però un carattere del tutto nuovo a ogni creazione.

 

Chi partecipa al Salone del Mobile?

Piccole e grandi aziende di mobili per interni ed esterni sono invitate a partecipare all’esposizione. L’obiettivo è presentare nuovi materiali e tecnologie, concetti e sviluppi innovativi e unici.

Vi sono diverse sezioni di appartenenza:

  • Settore classico, per gli appassionati della tradizione;
  • Settore design, per le tipologie più innovative di arredamento;
  • Euroluce, esposizione il cui focus è l’illuminazione;
  • EuroCucina, evento organizzato per questa importante zona delle nostre abitazioni;
  • SaloneSatellite, esibizione indetta per dare la possibilità ai più giovani di mostrare il proprio talento.

Immagine di: http://startupitalia.eu/1205-20160216-edilportale-salone-del-mobile

Lascia un commento